EMDA® - Electromotive Drug Administration

Nonostante le terapie comunemente usate per i tumori superficiali della vescica, dopo la resezione endoscopica rimane alta la percentuale di recidiva del tumore o di progressione dello stesso in pazienti a medio-alto rischio.

La Mitomicina C (MMC) è estesamente utilizzata nella terapia endovescicale delle neoplasie vescicali non muscolo-infiltranti (NMIBC). Tuttavia sono noti in urologia i limiti della terapia endovescicale con MMC nel trattamento delle forme di alto rischio di recidiva e progressione. Tale limite sembra imputabile, almeno in parte, alle basse concentrazioni di farmaco che raggiungono gli strati più profondi della parete vescicale e alla conseguente maggiore concentrazione di farmaco necessaria per inibire la proliferazione dei tumori di alto grado.

La tecnologia EMDA® (Electromotive Drug Administration) (Physion®, Medolla, Italia) è una tecnica di somministrazione farmacologica controllata che, mediante l’applicazione di una corrente elettrica pulsata, consente di aumentare la penetrazione tissutale di alcuni farmaci per aumentarne l’efficacia.

Studi hanno mostrato che l’EMDA, rispetto alla diffusione passiva, aumenta la penetrazione e riduce la variabilità dei tassi di somministrazione di MMC nei singoli strati di tessuto che compongono la parete vescicale.

Il Sistema di funzionamento dell' EMDA è relativamente semplice.

1. Un farmaco (ad esempio la  Mitomicina C) viene inserito in vescica mediante un catetere apposito che contiene un elettrodo d'argento.

2. A completamento del circuito vengono posizionati due elettrodi dispersivi sull'addome.

3. Sia il catetere elettrodo che i due elettrodi vengono connessi al generatore di corrente.

4. Il trattamento dura 30 minuti, al termine dei quali il farmaco viene estratto dalla vescica e il Paziente può tornare subito a casa.